mirko lamberti - abito fa il monaco

015 – L’abito fa il Monaco, sempre di più

Quando dicono che l’abito non fa il monaco, in realtà significa che in base a come ti presenti, le persone subito si fanno un’idea di te. Potresti dirmi che non è vero, e potresti anche avere ragione, ma se non fosse così, non avrebbe senso l’esistenza di un detto che dica il contrario. (immagine da ilgiornaledigitale.it)

Nel momento in cui decidi di avere un “posizionamento alto” all’interno di un gruppo o – come è il caso del tema di questo blog – all’interno di internet, tutto quello che farai, scriverai e pubblicherai, dovrà rispecchiare questa decisione. Ho visto blog bellissimi con contenuti scarsi e blog con una grafica scarsa con contenuti di buona qualità, ma non ho mai visto un blog con contenuti di ottima qualità ed una grafica fetida.

Il tema di oggi è aspetto e colori e come, in base al “vestito” ed ai dettagli che decidiamo di usare per il nostro blog, i visitatori immaginano il nostro sito web ed i nostri contenuti.

Blog 101 da Zero a Eroe – Giorno 15

Dopo aver scelto il tema nelle giornate precedenti, è ora dei dettagli.

Ecco la consegna di oggi: apri il Personalizzatore e prova differenti font e colori (e sfondi e/o intestazioni, se ancora sei indeciso/a).

In base al tipo di tema è possibile modificare più o meno cose e, se siamo Jedi o Ninja, possiamo in WordPress mettere mano direttamente al codice (o inserire il codice in punti strategici quando permesso) per aggiustare i parametri nei file di stile.

In questo post, nuovamente, non c’è molto da scrivere ma più da smanettare. L’attività pratica di smanettare è forse quella dove si impara di più e dove è possibile testare sul campo le proprie abilità. Il bello di WordPress e dei CMS in generale è che puoi smanettare in un contesto abbastanza sicuro, senza troppi rischi di compromettere il contenuto e l’intero sito (senza troppi rischi non significa che non ve ne siano proprio!).

Blog 101 da Zero a Eroe – Giorno 15  – Svolgimento

La personalizzazione di un tema è una cosa che rende il blog unico. Usando gli strumenti standard non c’è bisogno di avere grandi conoscenze di programmazione ed è già possibile ottenere buoni risultati. Dipende dal tema naturalmente.

Al di fuori di WordPress.com (che sto usando per scrivere questo blog) è possibile creare il proprio sito web ed installare un altro WordPress, quello scaricato da WordPress.org – il progetto opensource. A dire il vero se utilizzi un servizio di hosting italiano come Netsons o inglese come SiteGround o un qualsiasi servizio di hosting che utilizzi cPanel hai la possibilità di sfruttare l’installatore gratuito che ti monta il sito in pochi secondi, anche qui, senza dover conoscere nulla di programmazione.

Con l’altro WordPress, quello installato nel proprio sito, è possibile scegliere una varietà più ampia di temi. Tra i tanti che ho provato, quello che consiglio su tutti – gratuito – è il tema Sparkling della Colorlib. Minimalista e pieno zeppo di opzioni.

Se vuoi provarlo gratuitamente, senza dover acquistare un dominio, puoi usare il WordPress fornito da Altervista.org, ottima soluzione in termini di qualità/prestazioni che ti permette di creare un altro blog a costo zero e sfruttando tutte le potenzialità di WordPress.

Se hai dubbi su come cominciare e cosa scrivere, mandami un messaggio sfruttando la pagina Contatti. Sarà un piacere per me ricevere un tuo feedback e risponderti.

Un forte abbraccio e … al prossimo post.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...